Tue. Sep 27th, 2022

Morte Genitori Gerry Scotti – Virginio Scotti è nato il 7 agosto 1956 nel comune di Miradolo Terme, che si trova in provincia di Pavia. Dopo aver deciso di non proseguire gli studi legali, Scotti ha iniziato la sua carriera trasmettendo come disc jockey a Radio Milano International. Nel 1982 è passato a Radio DeeJay e un anno dopo è diventato l’ospite di DeeJay Television, il primo programma di Italia 1 a presentare video musicali. In aggiunta a ciò, Scotti ha sponsorizzato una varietà di altri programmi musicali come Festivalbar.

Morte Genitori Gerry Scotti
Morte Genitori Gerry Scotti

Tra il 1987 e il 1992 Scotti è stato rappresentante del Partito Socialista Italiano alla Camera dei Deputati italiana. Dagli anni ’90 Scotti ha lavorato quasi esclusivamente per Canale 5 come conduttore televisivo. È noto per il suo lavoro come conduttore di molti programmi di gioco, tra cui “Chi vuol essere milionario?”, che è l’adattamento italiano di “Chi vuol essere milionario?”, “Passaparola”, che è l’adattamento italiano di “The Alphabet Game” e “The Money Drop”.

Anche programmi di intrattenimento come “La sai l’ultima?”, “La Corrida”, “Paperisma”, “Buona Domenica” (con Harold Davies) e “The Winner Is” sono stati tutti diretti da lui. Oltre al suo lavoro come attore in numerosi film e commedie di situazioni, è stato co-conduttore della trasmissione satirica Striscia la Notizia.

Nel 2008 torna su R101, già Radio Milano International, come conduttore e assume anche il ruolo di vicepresidente di Monradio (la divisione radiofonica di Arnoldo Mondadori Editore).

In una lunga intervista con Wild Moss, il conduttore svela chi è e condivide i dettagli strazianti della morte dei suoi genitori lo stesso giorno. Entrambi i suoi genitori sono morti lo stesso giorno.

Dopo la conclusione di Chi vuol essere milionario? nel 2010 ha iniziato a condurre The Money Drop, cosa che ha fatto fino alla cancellazione dello spettacolo nel 2013. Negli anni 2014 e 2015 ha co-condotto lo spettacolo Avanti un Altro! al fianco di Paolo Bonolis.

Nel 2015 ha ospitato il Guinness World Record e Caduta libera, l’adattamento italiano di Who’s Still Standing e ha ricevuto valutazioni positive. Ha tenuto la presentazione intitolata “The Winner Is” nell’estate del 2017. Nel dicembre del 2017 ha iniziato a ospitare l’adattamento italiano del game show The Wall, nato negli Stati Uniti. Nel gennaio del 2018 è tornato a Striscia la notizia per presentare.

Gerry Scotti si è lasciato riportare a un ricordo struggente di sua madre e suo padre. Dopo 30 anni di carriera, il noto direttore d’orchestra e star della TV ha condiviso con Fedez e Luis Sal alcuni degli episodi più significativi della sua vita personale che lo hanno plasmato nella persona che è oggi. Questi eventi hanno contribuito a plasmare il suo carattere.

Ha detto a Fedez: “Non era una delle mie aspirazioni personali diventare un milionario, mi sono reso conto che i soldi non ti comprano ciò di cui hai veramente bisogno”, sapendo che avrebbe toccato un nervo scoperto per il rapper. “Ho imparato che i soldi non ti comprano ciò di cui hai veramente bisogno”, ha aggiunto.

Gerry Scotti è originario del comune italiano di Camporinaldo, che si trova in provincia di Pavia. Sua madre era casalinga, mentre suo padre, Mario Scotti, era un operaio che lavorava per le stampe al Corriere della Sera. È nato da suo padre e sua madre. Racconta Muschio Selvaggio: “Ero nipote di un contadino e di un fornaio, figlio di qualcuno che in seguito ha deciso di intraprendere un lavoro completamente diverso, e mio padre era un lavoratore”.

“Quando ero giovane, avere un lavoro fisso e una casa era già una fantasia; di certo non mi sforzavo di avere quello che ho ora”, ammette. “Ma ora che ce l’ho, non posso vedere la mia vita in nessun altro modo.”

Morte Genitori Gerry Scotti
Morte Genitori Gerry Scotti

“Trascorrevamo le giornate con gli amici seduti sui marciapiedi a scommettere su quale automobile sarebbe passata di lì, ma nonostante ciò i miei genitori mi hanno sempre sostenuto”, aggiunge Scotti, che aveva intenzione di laurearsi in design se le fosse stato dato il opportunità. “Anche se mio padre aveva un lavoro notturno, non ha mai perso un giorno in cui è stato lì per me e mi ha fornito supporto”. Mi ha scortato personalmente a Città Studi per avvicinarmi alla Facoltà.

By sehzuka